gli Aggettivi

caratteri generali

cosa è un aggettivo

L'AGGETTIVO è quella parte del discorso che si usa per descrivere le proprietà dei sostantivi, ovvero le proprietà delle cose o delle persone. Quindi, un Aggettivo non indica una cosa, ma piuttosto si riferisce a qualche cosa, della quale ci descrive una caratteristica.

PAROLA COSA DESCRIVE E' UN
AGGETTIVO ?
cane ANIMALE NO
amico PERSONA NO
scrittura ATTO NO
scrivere AZIONE NO
sopra RELAZIONE NO
alto PROPRIETA' SI'
velocemente MODO NO
prima TEMPO NO

genere e numero degli aggettivi

Anche per gli Aggettivi vi sono il genere e il NUMERO, ma a differenza dei Sostantivi, gli Aggettivi non hanno un proprio Genere o Numero, ma prendono Genere e Numero del termine a cui si riferiscono. A questo scopo l'Aggettivo si coniuga opportunamente, cambiando la terminazione, e abbiamo quindi un genere maschile ed un genere femminile, un numero singolare ed un numero plurale:

  • maschile: un bel ragazzo
  • femminile: una bella ragazza

Anche per gli Aggettivi il GENERE può essere, oltre che maschile e femminile, anche promiscuo. Un Aggettivo promiscuo si usa sempre uguale sia nella forma femminile che nella forma maschile; è questo il caso degli aggettivi che terminano in -e:

  • promiscuo: una ragazza intelligente
  • e anche: un ragazzo intelligente

come si riconosce un aggettivo

Cominciamo notando che gli Aggettivi sono una parte variable del discorso, perché si adattano alle parole cui si riferiscono: una bella ragazza, molte belle ragazze. Questo è un indizio importante: se una parola la potete mettere al maschile e al femminile, al singolare e al plurale, si tratta sicuramente di un Aggettivo o di un Sostantivo!

Gli Aggettivi sono quasi sempre vicino ai Sostantivi, perchè servono per definirli meglio specificandone le caratteristiche.
Senza sostantivo, gli Aggettivi si trovano anche vicino ai verbi essere, diventare, sembrare (questi verbi si chiamano copulativi), perchè in questo caso gli Aggettivi indicano la caratteristica che è posseduta o che viene acquisita dal soggetto.
Quindi, in conclusione, non possono stare da soli nel discorso, perché devono sempre riferirsi a qualcosa o a qualcuno: o a un Sostantivo, o al soggetto di un verbo copulativo, che potrebbe non essere espresso: come sei bella!, soggetto sottinteso tu.

Distinguere tra Sostantivi e Aggettivi

E' possibile che a prima vista qualche volta ci sia un po' di confusione tra Aggettivi e Sostantivi: molte parole infatti possono essere sia Aggettivi che Sostantivi. Come li riconosciamo? In realtà è semplice: quando la parola viene usata da sola, o con altre parole che sono sicuramente degli aggettivi, allora abbiamo un sostantivo, se è da sola e viene dopo un articolo, allora è un sostantivo.

Ecco due esempi:

PAROLA COSA DESCRIVE ESEMPI
italiano PERSONA sono andato a cena
con un italiano
QUALITA' abbiamo bevuto
un vino italiano
amico PERSONA ieri ho incontrato
una cara amica
QUALITA' ieri ho incontrato
una persona amica

Prendiamo il caso della parola amico: in questi tre esempi è certamente un Sostantivo:

  • ho incontrato un amico (SOSTANTIVO): la parola amico è usata da sola ed è preceduta da un articolo
  • ho incontrato un mio (AGGETTIVO) amico (SOSTANTIVO): mio è un aggettivo (possessivo)
  • ieri ho incontrato il mio (AGGETTIVO) migliore (AGGETTIVO) amico (SOSTANTIVO): sia mio che migliore sono aggettivi, rispettivamente possessivo e comparativo

Se invece usiamo la parola amico per specificare le caratteristiche di una altra parola, abbiamo allora un Aggettivo. Quindi per esempio abbiamo:

  • finalmente ho incontrato una persona (SOSTANTIVO) amica (AGGETTIVO)

il Tipo

La principale proprietà degli Aggettivi indica l'uso che si fa dell'Aggettivo. La prima possibilità è di usare un Aggettivo per indicare delle proprietà che servono per meglio descrivere qualche cosa. Questi Aggettivi sono detti Qualificativi:

  • ho letto un bel libro
  • ho conosciuto una ragazza intelligente
  • ho rivisto un caro amico

Un secondo uso dell'Aggettivo è quando lo usiamo per determinare di quale Sostantivo si tratta, idealmente confondibile con altri simili. Questi Aggettivi si chiamano Determinativi:

  • passami il mio quaderno (non il tuo)
  • siederò sul terzo scalino (non il primo né il secondo)
  • prenderò il prossimo aereo (non quello che parte adesso)

Gli Aggettivi Determinativi si dividono a loro volta in

  • Dimostrativi come questo
  • Indefiniti come qualche
  • Possessivi, come mio, tuo, suo etc.
  • Numerali Ordinali, come primo, secondo, terzo, ultimo etc.
  • Interrogativi come quale etc. per esempio in frasi come dimmi quale film preferisci
  • Esclamativi come che e cosa quando li usiamo in frasi come ma cosa dici!

Infine, anche se a qualcuno sembrerà strano, sono Aggettivi anche i Numeri, e si chiamano Aggettivi Numerali Cardinali. Questa è una cosa un po' strana, ed un Matematico forse preferirebbe che i Numeri fossero Sostantivi, magari astratti ma Sostantivi. Invece no, per i Grammatici i Numeri sono Aggettivi, perché esprimono una proprietà di un sostantivo, cioé la sua quantità, come nella frase mangerò due pizze.
Al nostro elenco dobbiamo quindi aggiungere:

  • Numerali Cardinali, come uno, due, tre etc.

altre forme di Aggettivi

le alterazioni degli aggettivi

Altre proprietà dei Aggettivi sono legate alla forma in cui appare l'Aggettivo, se nella forma primitiva o modificato in qualche modo per alterarne il significato. Ci sono moltissime modificazioni possibili, proprio perché gli Aggettivi hanno bisogno di molte sfumature per esprimere con precisione cosa vogliamo dire. Abbiamo quindi:

  • Diminutivi: come bellino, derivato da bello
  • Peggiorativi: come cattivaccio, derivato da cattivo
  • Accrescitivi: come simpaticone, derivato da simpatico

Però attenzione, perché non tutti gli aggettivi che finiscono in -ino sono dei Diminutivi. Infatti per esempio carino non è il diminutivo di caro, ma vuole proprio dire un'altra cosa!

aggettivi sostantivati

Molti Aggettivi possono essere usato come Sostantivi. Qualche esempio:

  • sei un (ARTICOLO) villano (AGGETTIVO SOSTANTIVATO)
  • il (ARTICOLO) bello (AGGETTIVO SOSTANTIVATO) è arrivato alla fine
  • beati gli (ARTICOLO) ultimi (AGGETTIVO SOSTANTIVATO)...

Per sottolineare che se ne fa uso di Sostantivo, in questi casi all''Aggettivo si premette un Articolo, che ci permette, come abbiamo già visto, di comprenderlo come Sostantivo senza alcuna esitazione.

aggettivi funzionali

Sia il Participio Passato e sia il Participio Presente di molti verbi possono avere il ruolo di Aggettivo, e si dice in questo caso che abbiamo un Participio Aggettivato o un Aggettivo Funzionale. Quindi potremo avere una sedia dipinta, per distinguerla da una sedia in legno naturale, o una minestra riscaldata, per distinguerla da una appena fatta.

E attenti al piatto, che è bollente! L'aggettivo in questo caso è costituito da un Participio Presente.

il Grado: Aggettivi Comparativi e Superlativi

Poiché gli Aggettivi esprimono proprietà occorre poter dire anche in quale grado questa proprietà è presente: se è presente in massimo grado, allora si usa un Aggettivo in forma Superlativa. Il grado superlativo di un Aggettivo lo si fa modificando l'Aggettivo nella terminazione. Generalmente il Superlativo si fa aggiungendo -issimo a fine parola: quindi bello diventa bellissimo e alto diventa altissimo. Se però l'Aggettivo finisce in -ro si aggiunge -errimo a fine parola: per esempio integro diventa integerrimo

Per fare il grado comparativo degli Aggettivi, invece si usa l'Avverbio più per il Comparativo di Maggioranza, e l'Avverbio meno per il Comparativo di Minoranza: quindi bello diventa più bello o meno bello e alto diventa più alto o meno alto.

A queste regole, semplicissime, ci sono solo poche eccezioni, che bisogna sapere:

  • buono diventa migliore e ottimo
  • cattivo diventa peggiore e pessimo, anche se è accettable anche cattivissimo
  • grande diventa maggiore e massimo, anche se è accettable anche grandissimo
  • piccolo diventa minore e minimo, anche se è accettable anche piccolissimo
  • alto diventa superiore e supremo, anche se è accettable anche altissimo
  • basso diventa inferiore e infimo, anche se è accettable anche bassissimo

le lezioni di Archivium

Leggi la lezione su gli Aggettivi oppure fai qualche esercizio:

questo sito

Questo sito è stato utile? Condividilo con i tuoi amici su

li aiuterai a studiare meglio e ad imparare più rapidamente. Lo sapevi? Anche i professori consultano questo sito! Se sei un professore, puoi usare i contenuti di questa pagina citando la sorgente:

www.analisi-grammaticale.biz

Creative Commons License

prodotto da Archivium
HT Tecnologie Umanistiche
per

HT Tecnologie Umanistiche

HT Tecnologie Umanistiche
www.tecnologie-umanistiche.it

D-U-N-S 434053108